Miike Takashi farà "Yattaman"!

YattamanAvviso che questa notizia è vecchia di un mesetto, ma siccome io l’ho scoperto solo ora, magari c’è qualche ritardatario come me che gradirà saperlo.
Un certo Miike Takashi, uno dei migliori registi contemporanei, nonchè uno dei miei preferiti, ha in progetto la trasposizione in live action di una vecchia serie animata che andava (e va su alcune piccole reti locali) in onda anche qui da noi: "Yatterman", da noi blandamente chiamato "Yattaman".
Vi do una bella rinfrescata alla memoria. Questo cartone è una della serie animate che fanno parte della saga "Time Bokan", di cui in Italia è stato trasmesso oltre a "Yattaman" anche "Calendarman" e i "Predatori Del Tempo".
In questa serie, come in bene o male tutte le altre, il solito trio di cattivi e il solito duo di bravi si scontrano tra gag e combattimenti a bordo di robot assurdi dalle fattezze animali.
Io da piccolo me li guardavo sempre, e spero di non essere il solo. Probabilmente parla di più l’immagine che ogni mia spiegazione, quindi taglio corto.
Confidando nel fatto che Miike è pur sempre Miike, attendo con ansia spasmodica di vedere un bellissimo ricordo della mia infanzia maneggiato da uno dei miei registi preferiti. Non si può chiedere di più.
In ogni caso ci toccherà aspettare almeno fino al 2009.
YATTA!
Lascia un commento

4 commenti

  1. anonimo

     /  25 Maggio 2007

    Questo tuo commento, caro Brio (sempre che l’abbia scritto tu, potevate almeno fare 2 tag diverse tu e Chimi, ma va beh), mi stimola una riflessione non tanto sui film, ma sulla pubblicità che viene fatta dalla grande distribuzione: ultimamente ho notato un calo di interesse per i film animati, che vengono sempre più spesso passati sotto silenzio, più o meno commerciali che siano. Mi riferisco ai vari “Racconti di terramare”, piuttosto che a film molto più commerciali come “i Simpsons” o ancora “Le Tartarughe Ninja”, che non hanno beneficiato della benchè minima pubblicità da parte di nessun media ai più raggiungibile.
    Mi affido quindi a voi che apprezzate ogni genere di film per tenermi informato anche riguardo alle animazioni, solitamente esercitate dalle sale solo dopo la consegna degli oscar (e neanche sempre).

    Legolas

    Rispondi
  2. Buon legolas perdona la nostra noncuranza nell’informare chi scrive le notizie. Comunque l’ho scritta io, Brio, o Para, così capiscon tutti che Brio e Para sono la stessa persona. Comunque, non preoccuparti, modestamente mi ritengo molto informato ed esperto in campo d’animazione, quindi se ci sarà l’occasione non eviterò certo di parlarne.
    E ti do anche ragione. Da appassionato, appunto, le occasioni di vedere un film d’animazione di qualità sono pressochè nulle. Voglio dire, “I Racconti di Terramare”, buon film di Miyazaki Goro, figlio del grande maestro Hayao Miyazaki, o altri lungometraggi animati, soprattutto giapponesi, sono destinati ad essere proiettati in poche sale, solitamente nelle grandi città e a volte in orari idioti, tipo le 4 del pomeriggio.
    Questo è per il solito motivo, nessuno vuole rischiare di aver la sala semi vuota. Io sono convinto che non succederebbe, ma vaglielo a spiegare tu.
    E’ chiaro poi che come in ogni cosa quello che conta è il marchio. I film Pixar o simili hanno la garanzia di fare incassi e quindi in quel caso non c’è problema, i botteghini si strofinano le mani.
    Come per il cinema dal vero, quando si tratta di scommettere su di un prodotto non lo fa mai nessuno. Viviamo in un paese dove la cultura del cinema non come puro e fine a sè stesso intrattenimento non esiste (o meglio, è diffusa molto poco), quindi figuriamoci se i distributori si adoperano per dei film d’animazione su cui non si ha garanzia.
    E se noti non è solo per i lunghi animati giapponesi, che sono quasi sempre più (o anche) adatti ad un pubblico maturo, ma anche per tutti quei film animati di produzione europea, italiana, ecc. esplicitamente destinati ad un pubblico infantile. Anche in questo caso non si vuole rischiare, perchè anche il bambino stesso ha sicuramente più voglia di vedere il film dei beniamini che ritrova nella pubblicità, nelle sorprese delle merendine ecc. E’ un circolo vizioso da cui non è impossibile uscire, basta l’impegno di molti. Di tempo ce ne vorrà, ma è chiaro che finchè non cominceremo ad educare i nostri figli su come gira il mondo ne passerà sempre di più.
    Dopo questo commento un pò sfogo e un pò pastiche, data la quantità di cose di cui ho parlato, vi saluto chiedendo scusa se dovesse risultare caotico. Se ci sono dubbi, critiche, richieste, delucidazioni, noi siam qua.
    Para

    Rispondi
  3. anonimo

     /  25 Maggio 2007

    Hai assolutamente ragione su tutto quello che hai detto, e penso che il discorso vada oltre il solo cinema d’animazione…
    Cmq lascio questo commento solo per renderti un po’ feice, io yattamn lo conosco e me lo ricordo pure….

    Legolas

    Rispondi
  4. Che bello Legolas… anche tu tieni ancora nella memoria Yattaman… sono commosso.
    Il trio Domboro resta sempre il trio Domboro. Sono loro che rendono il cartone uno spasso. Miss Dronio, Bonzaki e Tonzula, se non ricordo male.
    Che ricordi… che ricordi!
    YATTA!
    Para

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: