Ancora Kill Bill?

kill-bill-teaser-one-5001097Il produttore esecutivo di "Kill Bill vol.1 e vol.2", Bennett Walsh, ha rivelato la possibilità di realizzare un terzo e quarto capitolo della saga.
Le possibilità che Tarantino torni in Cina per girare un volume 3 e 4 sembrano abbastanza alte, dato che le trame sarebbero già state abbozzate.
Walsh avrebbe infatti anticipato che il terzo capitolo parlerà della vendetta di due killer mutilati da Uma Thurman nei primi due episodi;il quarto, invece, dovrebbe riguardare un ciclo di rappresaglie e di figlie che vendicano le morti delle madri.
Dato che noi di "Cineroom" abbiamo amato molto "Kill Bill vol.1 e 2" ci sembra giusto chiederci la validità del progetto: da una parte, certamente, ci sarebbe grande esaltazione nel rivedere sul grande schermo il proseguimento di un’opera che abbiamo apprezzato tantissimo; dall’altra, però, vengono dei dubbi nel pensare ad un sequel (anzi due) di un film (anzi due) che sembrava perfetto, soprattutto a livello di tempi registici, così com’era.
In attesa di comunicati ufficiali (ancora non c’è alcuna certezza sul progetto), fateci sapere, se vi va, le vostre opinioni a riguardo.

Lascia un commento

3 commenti

  1. anonimo

     /  30 giugno 2007

    Onestamente vedo molto negativamente il progetto di realizzare altri due sequel di Kill Bill.
    Anche se ho apprezzato i primi due, mi sembra che tutto quello che c’era da dire sull’argomento sia stato detto proprio nei primi due capitoli.
    Fateci sapere se ci saranno maggiori certezze x il progetto.
    Luca

    Rispondi
  2. Ciao Luca, grazie per il commento. Ti dirò, io per ora mi trovo nella “tipica” situazione in cui hai sulle spalle da una parte l’angioletto e dall’altra il diavoletto. Uno che dice “sì sì vai gran fissa di nuovo kill bill”, e l’altro che dice “ma per piacere ma che bisogno c’è, solita mossa commerciale, ecc ecc”.
    Per ora li lascio litigare, quando ci saranno più certezze e più informazioni a riguardo allora vedrò chi dei due ascoltare.
    In ogni caso è chiaro che il bisogno di realizzare altri due capitoli non ci sia minimamente. Vedo più che altro il rischio di far imbestialire i fan al grido “i primi due erano meglio”.
    Con ovvio destino del terzo e del quarto.
    Chi vivrà, vedrà.
    Saluti.
    Para

    Rispondi
  3. anonimo

     /  2 luglio 2007

    E va bene, nonostante venga attaccato da almeno una metà dei gestori si questo blog, solamente in quanto non c’è comunicazione tra le due parti possidenti, tornerò a chiudere nell’armadietto la mia vena inutilitaria per dar sfogo a quella un po’ più seria e, naturalmente, fondamentalmente polemica…
    Per quel che riguarda un seguito di kill bill mi trovo un po’ nella stessa situazione tratteggiata dal buon Brio, anche se forse il diavoletto punta più sul fatto di rivedere un film di Quentin sugli schermi al più presto (sono ancora in estasi per alcune perle di “Grindhouse”…) che non il fatto che si tratti di un seguito di Kill Bill. Effettivamente da dire e da fare sull’argomento c’è poco, dopo che nei primi due capitoli abbiamo assistito ad un’ineccepibile fusione tra manga animato/manga trasposto in action movie con attori veri/ tratteggi di filosofia ed ambientazioni orientali/ spaghetti western (per stessa ammissione del regista)/ citazioni da De Palma piuttosto che da chiunque potesse apportare un tocco di classe in più…
    In effetti fossi in Quentin non saprei da dove ricominciare (a parte il fatto che son tutti morti), e in particolare non vedo nuovi svincoli per la storia conclusasi (e sottolineo conlusa) nel secondo capitolo. Un prequel mi pare allo stesso tempo poco affascinante, se non solo come esercizio di stile, mentre per quel che riguarda il sequel mi rifaccio a ciò che ho appena finito di esplicare.
    Detto ciò, non rimango comunque fisso sull’idea che non si possa fare, soprattutto perchè ho una fiducia incredibile nella fantasia del regista e nella sua capacità di sorprendere sempre e comunque.
    Finito di tessere le lodi di Quentin, c’è anche da essere d’accordo con Paolo sul fatto che un paragone coi primi episodi sarebbe inevitabile, e ciò potrebbe compromettere una visione lucida e distaccata di quello che probabilmente vorrebbe proporsi come qualcosa di legato da un intimo filo rosso ai primi due capitoli, ma che non per questo possa prendere direzioni proprie, magari nuove ed avanguardistiche.
    Tutto ciò penso possa essere riassunto con un esplicativissimo e laconico BOH?!…
    Lascio la parola a chi può aggiornarmi e mi rimetto al giudizio della corte suprema cinematografica americana, tanto sarà comunque lei a decidere…

    Legolas

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: