Gone Baby Gone: il sorprendente esordio registico di Ben Affleck

Quanto sono forti spesso i nostri pregiudizi; a volte sentiamo parlare di film di cui conosciamo soltanto gli attori o la base della trama e iniziamo già a maltrattarli pur non essendo andati a conoscerli da vicino.
E’ passato quasi un anno da quando avevo sentito che Ben Affleck avrebbe esordito alla regia; noi tutti eravamo già pronti a deridere questo suo primo film; fino a quando dall’America sono arrivate le prime recensioni positive che ci hanno fatto nascere il dubbio che forse non fosse così male come si poteva pensare.
Ebbene l’esordio alla regia di Ben Affleck, uno degli attori più incapaci dell’ultimo decennio cinematografico, è davvero un qualcosa di inatteso, un film sorprendente che una volta visto ti fa davvero pensare a quanto si era stati stupidi ad avere quei pregiudizi.
"Gone Baby Gone" è un film molto interessante per diversi motivi, in particolare due, che corrispondo alle due macro-parti (ma non pensate ad una differenza temporale) di quest’opera.
Innanzitutto questo è l’ennesimo schiaffo cinematografico (magari ne scriveremo un articolo alla fine della stagione primaverile) che danno al mondo, in questa stagione, gli Stati Uniti sul riuscire ad entrare nel cuore del proprio paese con estrema forza e lucidità.
Grazie anche alla struttura del romanzo di Dennis Lehane, autore da cui è stato tratto anche l’indimenticabile "Mystic River" Eastwoodiano, Ben Affleck riesce a scavare nello spirito della città di Boston, nei suoi quartieri più malfamati fino ad entrare nelle case dei suoi abitanti.
Un mondo di cui fa parte il protagonista della vicenda, Patrick Kenzie, un detective privato che viene chiamato per aiutare la polizia nel ritrovamento di una bambina scomparsa.
Patrick (interpretato da un convincente Casey Affleck) insieme alla sua ragazza Angie (Michelle Monaghan, un mobile inespressivo facente parte, credo, della scenografia) iniziano il loro lavoro penetrando proprio all’interno dell’America contemporanea: frequentano bar, locali di dubbia morale, spacciatori e altri splendidi ritratti della Boston-male, per cercare di scoprire quello che è successo in realtà.
Quando i fatti vengono allo scoperto (non posso rivelare di più), si giunge ad una splendida parte finale in cui "Gone Baby Gone" diventa una perfetta opera morale sul valore della fiducia e, ancor di più, della scelta.
L’azione finale di Patrick è sofferta, indecisa e rischiosa; ma noi, al suo posto, cosa avremmo fatto? Fino a dove bisogna tenere fede ai propri principi? Il dubbio, la scelta, di Patrick è anche il nostro.
Il personaggio di Casey Affleck essendo cresciuto in quel violento quartiere pensava di aver visto tutti i tipi di persone possibili; ma si sbagliava e se ne accorge incontrando, e conoscendo profondamente, i due "uomini della legge" della pellicola: un ottimo Morgan Freeman e un memorabile Ed Harris, alla sua più grande interpretazione di sempre, che si candida ad entrare nella classifica dei migliori attori dell’anno, subito dopo i protagonisti di quei filmetti usciti a febbraio.
Ciò che alla fine, però, più colpisce è il lavoro, magnificamente equilibrato, di Ben Affleck.
Il regista rallenta, lasciando spazio alla sceneggiatura nei momenti più adatti, e forza la mano soltanto nelle sequenze in cui ce n’è davvero bisogno. Nonostante sia la sua prima opera non esagera mai e fa mantenere un ottimo ritmo al film per tutta la sua durata.
Regia perfetta.
Forse coi pregiudizi è meglio finirla…

Chimy

Voto Chimy: 3/4

Annunci
Lascia un commento

17 commenti

  1. Perfettamente d’accordo!!!
    I pregiudizi non possono che far male, soprattutto ad un’ opera d’esordio!!!
    Porca miseria però…quanto vorrei vederlo questo film!!!
    Speriamo nelle prossime settimane ^__*

    Weltall

    Rispondi
  2. Credo che questo sia l’esempio più lampante (perlomeno degli ultimi anni) di quanto i pregiudizi a volte siano una piaga, e io stessa non ne sono esente, anzi…
    Il film mi è piaciuto davvero moltissimo, concordo con la vostra concisa e precisa analisi ^^

    Rispondi
  3. @weltall: spero che riuscirai a vederlo perchè merita davvero.

    @ale: hai ragione, è l’esempio più lampante degli ultimi anni di pregiudizi da evitare…
    Film molto notevole davvero.

    Saluti a entrambi

    Chimy

    Rispondi
  4. Un film che non devo assolutamente perdere. Affleck alla regia mi incuriosisce e i vostri giudizi positivi non possono che farmi piacere. I pregiudizi poi sono in agguato dietro ogni angolo lungo la strada del cinefilo. Purtroppo non sempre è possibile evitarli. L’importante è rendersene conto e ricredersi: momenti meravigliosi, quando capitano, immagino per chiunque.

    Rispondi
  5. Hai perfettamente ragione, per noi cinefili i pregiudizi sono all’ordine del giorno. Quando invece bisogna ricredersi perchè in realtà ci si trova davanti una bella sorpresa è davvero un momento da ricordare ^^

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  6. Mi fa piacere leggere che Ben Affleck alla fine abbia trovato la sua strada. Spero di riuscire a vedere il film nei prossimi giorni, sono curiosissimo.

    Ciao,
    Lore

    Rispondi
  7. Sì, speriamo che prosegua così. Personalmente prima di valutare la reale validità di un regista ho bisogno di vedere almeno una seconda opera di conferma, cmq l’esordio fa molto ben sperare.
    Se poi lo vedi facci sapere.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  8. ma sì, bando agli snobismi e ai pregiudizi…
    Simone

    Rispondi
  9. Già, ma non sempre è facile…

    Chimy

    Rispondi
  10. Sono riuscito a vederlo, MIRACOLO!!!
    Avevi perfettamente ragione: meritava, meritava eccome!!!
    ^___*

    Weltall

    Rispondi
  11. Ottimo, mi fa molto piacere. Ma al cinema? Te lo chiedo perchè era in talmente poche copie.
    Attendo una tua rece allora.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  12. No, non al cinema ^__*
    Questa sera dovrei postare ^__^

    Weltall

    Rispondi
  13. Allora poi passo ^^

    Ciao

    Chimy

    Rispondi
  14. Visto pure ioooooooooo
    nell’unica sala romana!
    bellissimo!!!

    Rispondi
  15. Ottimo, siamo in pochissimi ad averlo visto, ma ci è piaciuto a tutti ^^

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  16. Dire che avevo gli stessi pregiudizi è poco.
    Cmq sono d’accordissimo, questo film è stato proprio una bellissima sorpresa.
    Magari ora che è regista, per darsi un tono più serio, se lo toglie quel parrucchino…^^

    Rispondi
  17. He he, mi sa che abbiamo provato tutti le stesse sensazioni per questo film: prima pregiudizi e poi belle sensazioni ^^

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...