65° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica: pochi nomi tanto cinema.

Forse, questa edizione della Mostra, potrebbe essere una delle più sorprendenti degli ultimi anni.
La presenza di pochi "nomi garanzia" sarà delusione per alcuni, indifferenza per altri, gioia per pochi e stimolo per moltissimi. In fondo si avrà l’occasione, rara e appagante, di scoprire nuovi registi che da una parte, con le prossime (o precedenti) pellicole, impolperanno la propria lista degli hype, mentre dall’altra affaticheranno il proprio "Death Note".
Per amanti e ossessionati del cinema, una situazione del genere, soprattutto confidando nella bravura dei selezionatori, non può che far piacere.
Noi, in attesa di scoprire nel buio della sala se questa "strategia" darà i suoi frutti, abbiamo selezionato i nostri hype che, per forza di cose, puntano tutto sul nome di chi li ha diretti.

In concorso
Per il Leone d’Oro non si può che tifare, sulla carta, per uno dei seguenti. Tra cui due lungometraggi d’animazione che solo loro valgono i dieci giorni di mostra.

Mamoru Oshii The Sky Crawler

Uno dei più grandi registi (non solo d’animazione) con la sua nuova opera sci-fi esistenziale. Musiche, come al solito, dal grande Kanji Kawaii. Bellissimo anche senza averlo visto.

Hayao Miyazaki Ponyo on Cliff by the Sea

Miyazaki. Un nome una garanzia.

Guillermo Arriaga The Burning Plain

charlize-theron-the-burning-plain-02Lo sceneggiatore di Amores Perros, 21 grammi e Babel, al suo esordio come regista. Con Charlize Theron. Serve altro?

Kathryn Bigelow Hurt Locker

Miss Strange Days, dopo i sommergibili di Harrison Ford (e la pubblicità della Pirelli) ci prova con l’Iraq. Confidiamo in lei.


Barbet Schroeder Inju, la Bête dans l’ombre

Ma senza la colonna sonora dei Pink Floyd, ce la farà Schroeder a fare un bel film? Il materiale di partenza, uno scritto di Edogawa Rampo, fa solo sperar bene.

Fuori concorso
Da segnalare uno dei due film scelti con la collaborazione del FEFF di Udine: Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit! di Minoru Kawasaki. Il titolo, e l’immagine, parlano da soli:

Ci vediamo al Lido, se ci sarete!
Annunci
Lascia un commento

30 commenti

  1. Oshii e Miyazaki!!! MAMMA MIA!!!

    Ragazzi, al vostro rientro attendo commenti entusiastici ^___^

    Weltall

    Rispondi
  2. punto su Arriaga e la Kathryn Bigelow anche se credo non vincerà nessuno dei due!

    Rispondi
  3. Sembra una mostra interessante con film che potrebbero essere eccezionali! Non vedo l’ora di leggere vostre recensioni! (Non so se ce la farò ad andare. Spero almeno, anche solo, un misero giorno!!).

    Rispondi
  4. @weltall: io sono entusiasta già ora, quindi stai tranquillo! 🙂

    @wd: io tifo Oshii, ma vedremo!

    @cinemasema: Luciano, se ci sarai non esistare a comunicarcelo! 🙂

    Saluti.
    Para

    Rispondi
  5. sto facendo ora un giro per ringraziare dei commenti al ‘post importante’ del 26 luglio, dato che finora ero in ferie e non potevo.
    grazie ancora e a presto 😉

    per quel che riguarda il post, mim sembra tutta roba di primissimo ordine, miyazaki è quello che attendo con più ansia

    Rispondi
  6. @simone: figurati :). Anche per Miyazaki è il nome più importante presente.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  7. frenzmag

     /  11 agosto 2008

    Io aggiungerei The Wrestler di quel malato di Aronovsky ( con M.Rourke conciato una porcheria ).
    Mi interessa anche Kitano

    Rispondi
  8. non sapevo partecipasse anche lui. allora aronofsky subito!

    Rispondi
  9. Io ci sarò solo tre giorni, spero di vedermi il Maestro dell’animazione !!!!!!!!

    Rispondi
  10. @frenzmag + wd: Mah, Aronovsky non è che sia tutto sto gran regista. Dopo un film su un ossessionato dai numeri, uno dall’eroina farà quello di un ossessionato dal tirar mazzate per finta. Lo si vedrà ma non è un hype. 🙂

    @mrdavis: allora ci si vede al Lido! 🙂

    Saluti.
    Para

    Rispondi
  11. PARA, no, invece per me è un gran regista. vuoi litigare…??^^ L’albero della vita dapprima non mi piacque ma poi lo rivalutai eccome, e Pi Greco è un gran esordio. E poi l’ossessione coglie tutti i grandi registi. Oh qui lo si attende, poi eventualmente fateci sapere.

    Rispondi
  12. quel fuori concorso ha catalizzato la mia attenzione…:)

    Rispondi
  13. @wd: niente litigi, dai! 🙂 Ma lui allora è un regista ossessionato dalle ossessioni! L’albero della vita mi manca, e Pi greco è sì un bell’esordio, ma non riesco a considerarlo un cult come lo è per molti. Comunque non preoccuparti, ti faremo sapere senz’altro!

    @filippo: non sei l’unico, non sei l’unico! Io voglio il mostro sul red carpet! 🙂

    Saluti.
    Para

    Rispondi
  14. anonimo

     /  14 agosto 2008

    Dovrei venire al Lido il 1° di settembre: nella mia mania per Crialese ci tengo a vedere il documentario “Che saccio” (cineritratto dei due giovani attori di Respiro e Nuovomondo), per il resto mi basta respirare l’aria della Biennale… se poi riesco a vedere anche altre cose interessanti meglio! A proposito, in quella data la Portman inaugura Corto cortissimo, ma non so quali altre proiezioni ci siano..

    Kyra

    Rispondi
  15. Il calendario lo stiamo ancora aspettando.
    Non sapevo del documentario… molto interessante.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  16. Ma allora è d’obbligo che ci si incontri: potreste venirmi a trovare anche nella bicocca che io e il Bocchi abbiam dietro al palazzo del cinema: è meglio di Casa Vianello!!!

    Rispondi
  17. Hahaha… è andata per la bicocca allora 🙂
    I primi giorni, inoltre, ci saranno anche altri amici. Si farà un gran bell’incontro.

    Un saluto Conte

    Chimy

    Rispondi
  18. Sicuramente tutti film che se la batteranno anche se spero che la Bigelow riesca a trionfare.Dopo aver visto Strange Days, me ne sono innamorato. Non mi dispiacerebbe nemmeno per Arriaga (in nome di Inarritu).

    Rispondi
  19. anonimo

     /  14 agosto 2008

    Mi pare che tutti siamo concordi nell’essere innamorati di Strange Days.. ma sono passati dei begli annetti da allora, serve una riconferma.

    Kyra

    Rispondi
  20. @aldirektor: anch’io li attendo tantissimo ^^

    @kyra: ci crediamo in un grande ritorno di miss Strange Days 😉

    Saluti

    Chimy

    Rispondi
  21. anonimo

     /  21 agosto 2008

    Brad e George dovrebbero essere al Lido per l’apertura del 27 agosto: partenza con i Coen.. beh, allora qualche nome da paparazzo c’è.. 😉

    Kyra

    Rispondi
  22. anonimo

     /  21 agosto 2008

    Ah, ecco il calendario delle proiezioni:
    http://www.labiennale.org/it/cinema/mostra/calendario/

    Kyra

    Rispondi
  23. Partenza molto paparazzata 😉
    Ci sarà un casino incredibile il 27 sera.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  24. anonimo

     /  23 agosto 2008

    vi siete accorti che il film di miyazaki avrà solo 2 proiezioni!?
    sala grande 31/08 alle 17 pubblico/accreditati tutti
    palalido 9.00 press/industry.
    chi ha fatto questa scelta?
    non verrà fatta nessuna proiezione al palabiennale… ma la faranno alla multisala giorgione il 02/09 alle 21.30.
    prevedo già problemi 😦
    ethan

    Rispondi
  25. rassegna interessante. miyazaki mi incuriosisce più di ogni altro. vedremo..

    mario

    Rispondi
  26. @edthan: cavoli… non me n’ero accorto. Come al solito ci sono dei grossi casini di organizzazione… chissà che bordello che ci sarà per il film di Miyazaki. Saremo in fila da tre ore prima…

    @mario: Miyazaki è il miglior regista presente a mio parere. Non vedo l’ora di vederlo.

    Saluti

    Chimy

    Rispondi
  27. Aggiungo qui un altro mio personale hype veneziano, che aggiungo solo ora perchè ho recuperato i film del regista in questione soltanto negli ultimi giorni:

    “La terra degli uomini rossi” di Marco Bechis; un signor regista.
    Recuperate se potete i suoi film (per chi non li abbia ancora visti) prima della visione veneziana.

    Un saluto a tutti 🙂

    Chimy

    Rispondi
  28. Chiedo scusa per il parziele fuori tema: Mi servirebbe un’informazione: sto valutando di andare a Venezia per seguire la mostra – partirei la prossima settimana – ma non ci sono mai stato: come funziona? c’è bisogno di avccredito giornalistico per seguire le proiezioni? esistono proiezioni aperte al pubblico, e dove? è possibile avere contatti diretti con l’ufficio stampa e come?
    potete rispondermi anche in privato: scafidi.mario@libero.it e cancellare questo commento non pertinente.
    Grazie in anticipo per le info!

    mario

    Rispondi
  29. Noi abbiamo un accredito.
    Da quel che so puoi fare una tessera promozionale di 100 euro valida x 6 giorni dove puoi vedere più o meno tutto… se no puoi prendere i singoli biglietti.
    Ti conviene però andare sul sito de La Biennale di Venezia e vedere lì tutte le info.

    Ciao

    Chimy

    Rispondi
  30. anonimo

     /  29 agosto 2008

    Purtroppo gli accrediti mi fregano: mi sa che non posso vedere il documentario che mi interessa in Sala Volpi perchè sul sito scrivono che la proiezione è per stampa e pubblico con invito…
    mi confermate anche voi che non ci si può far niente? (alle e-mail di richiesta info non mi hanno ancora risposto..)

    Kyra

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: