Stanley forever…

Esattamente dieci anni fa si spegneva uno dei più grandi registi che il cinema abbia mai avuto, unico per numero di capolavori e grandi film fatti nel corso della sua filmografia inarrivabile.

Lo ricordiamo con una semplice e bellissima foto durante la lavorazione dell’opera d’arte che ha segnato il ‘900. Semplicemente.


Dedicata a Stanley Kubrick (26 luglio 1928, New York, USA – 7 marzo 1999, Harpenden, UK)

Lascia un commento

16 commenti

  1. Come dicevano le gemelline di “Shining” lo ricorderemo Per sempre. L’Inafferabile Kubrick.

    Rispondi
  2. Sono già passati dieci anni….un grandissimo regista, tecnicamente parlando un maestro…e 2001, insieme a Shining e Il Dottor Stranamore, costituisce uno dei più grandi capolavori della storia del cinema. Peccato solo che abbia fatto così pochi film!

    Rispondi
  3. Mi fa piacere che anche voi lo ricordiate con questo film immenso!!!

    Rispondi
  4. Se il cinema fosse una religione, Kubrick sarebbe quanto di più vicino possibile all’idea stessa di Dio. Come tale, immortale.

    Rispondi
  5. semplicemente per sempre.

    *Asgaroth

    Rispondi
  6. Ogni film di Kubrick ha lasciato un segno indelebile nella storia del cinema. Quale altro regista può vantare un così alto orgoglio?

    Rispondi
  7. Mi sembra ieri e sono già trascorsi dieci anni! Pochi film ma di altissimo livello, tutte opere di inestimabile valore.

    Rispondi
  8. Grazie a tutti per i commenti e le belle parole.

    Saluti e buona domenica

    Chimy

    Rispondi
  9. pick, io quando entro ed esco dalla sala mi faccio il segno della croce 😛

    Rispondi
  10. forse il più grande di sempre, per certi versi sicuramente.

    Rispondi
  11. Concordo anch’io…

    Chimy

    Rispondi
  12. Lui non era UN, era IL. Forse l’unico per cui occorerebbe usare sempre aggettivi determinativi.

    Rispondi
  13. Quanto ci manca..

    Rispondi
  14. Si concorda.. grazie anche a voi per i commenti.

    Chimy

    Rispondi
  15. anonimo

     /  27 marzo 2009

    credo che la massima ispirazione sua non erano tanto i romanzi da cui traeva le sue opere, il gusto particolare nell’ascolatare buona musica o il suo passato di fotografo

    ma gli scacchi.. gioco di perfezione geometrica ben studiata al dettaglio in tutte le posizioni e gli spostamenti di ogni singolo elemento…

    ecco…mi chiedo se senza la sua passione per quel gioco il suo cinema sarebbe stato lo stesso.

    MARCO CRUCCU

    Rispondi
  16. Bellissima suggestione Marco :).

    Me lo chiedo anch’io e credo che non sarebbe stato lo stesso il suo cinema senza quella passione. La perfezione matematica dello stile di Kubrick potrebbe derivare proprio dagli scacchi.

    Un caro saluto e a presto 🙂

    Andre

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: