Chéri: la nuova "relazione pericolosa" di Stephen Frears

E’ un film che parte forte Chéri di Stephen Frears. In pochi minuti, all’interno di bellissimi titoli di testa, una voce narrante riassume velocemente la "carriera" delle "cortigiane" della belle epoque.
In altrettanti pochi minuti il film ci mostra subito la nascita della relazione fra l’affascinante cinquantenne Lea e il giovane Chéri che durerà sei anni… e forse più.
Questa partenza, a livello di sceneggiatura, è forse anche troppo rapida e non arriva ad amalgamarsi adeguatamente con momenti di maggiore lentezza che sopraggiungono nella seconda parte.
Lo sceneggiatore di questo film non è Peter Morgan (uno dei più grandi della categoria) che aveva collaborato con Frears per il perfetto The Queen; al suo posto c’è Christopher Hampton che non possiede il ritmo straordinario di Morgan (sua è anche la sceneggiatura di Frost/Nixon) e purtroppo si vede proprio in questa disparità eccessiva fra brusche accelerazioni ed eccessivi rallentamenti.
Nonostante questo Chéri è un film più che godibile per aprire questa nuova stagione cinematografica: questo grazie in particolare alla regia di Stephen Frears, sempre sapiente su come muovere la macchina da presa e su come gestire al meglio i "tempi filmici".
Inoltre, come in quasi tutte le opere di Frears (che per chi scrive è il più grande "regista di attori" vivente), il cast è in formissima e straordinario. Rupert Friend è decisamente sopra ogni più rosea aspettativa; Michelle Pfeiffer, splendida e magnetica, è ancora una volta perfetta; Kathy Bates è addirittura fenomenale in un ruolo che sembra davvero scritto apposta per lei e per le sue indimenticabili espressioni e movenze.
Da vedere per tornare finalmente a respirare un po’ di sano cinema dopo questa (cinematograficamente parlando) pessima estate.

Chimy

Voto Chimy: 2,5/4

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

9 commenti

  1. ho citato il tuo blog nel mio ultimo post a proposito dei blog di cinema.. ciao!

    Rispondi
  2. Grazie, vengo subito a leggere…

    Chimy

    Rispondi
  3. Interessante. Non ho potuto vedere nè The Queen nè Frist/Nixon, ma sono tra i miei recuperi. Spero di riuscire ad andare a vedere questo almeno.

    Rispondi
  4. Fammi poi sapere quando riesci a recuperarli. “Chéri” è un piacevole inizio di una nuova stagione di cinema.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  5. mi piace moltissimo frears, in settimana vedrò anche questo, senza dubbio

    Rispondi
  6. Bene, poi ripassa a farci sapere.

    Ciao

    Chimy

    Rispondi
  7. Sembra molto interessante. Spero di poter tornare presto in sala dopo una lunghissima assenza.

    Rispondi
  8. anonimo

     /  10 settembre 2009

    Perchè non accenni alla curatissima e raffinata ambientazione, con deliziosi dettagli curatissimi, e agli spettacolari costumi???

    Rispondi
  9. @luciano: un inizio interessante per la nuova stagione…

    @ut.anonimo: hai ragione, ma (trattandosi di un film di Frears) mi sembrava anche banale parlarne… per me gli elementi di maggiore interesse (positivi o negativi che siano) sono altri…

    Saluti

    Chimy

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: