Brüno: studio culturale sull'America a beneficio della gloriosa nazione dell'Austria.

La recensione di Brüno del Para è qui, su Paper Street.

Annunci
Lascia un commento

11 commenti

  1.  Uno degli scopi del film credo fosse proprio quello di creare due fazioni alle quali però non posso schierarmi perchè sinceramente mi trovo nel mezzo: divertito mi sono divertito moderatamente, quanto a scandalizzato o irritato neanche un po’, perlomeno non per le provocazioni Bruno. 
    Comunque, a mente fredda, effettivamente Borat gli sta una spanna sopra! ^__^

    Rispondi
  2. Il tuo essere nel mezzo è l’eccezione che conferma la regola! 🙂
    Borat certamente meglio, anche e soprattutto come tipologia, scelta e caratterizzazione del personaggio.
    Saluti.
    Para

    Rispondi
  3. anonimo

     /  3 novembre 2009

    Il film mi ha deluso un po’, al di là del paragone con Borat, perché credo che sia ripetitivo. Ma concordo con te Para: "comunque, una pellicola da guardare e che si lascia guardare"

    Ciao

    Lenny Nero

    Rispondi
  4. anonimo

     /  3 novembre 2009

    il film mi ha lasciato indifferente. Ho sorriso all’inizio alla battuta sulla modella e poi basta. Il finale vale il biglietto del film.  Il riccio

    Rispondi
  5. @lenny: effettivamente sì, può essere considerato ripetitivo, ma secondo me comunque godibile.

    @riccio: il finale (sia la cosa dell’incontro che la canzone) è un momento altissimo.

    Saluti.
    Para

    Rispondi
  6. "Quello che sarebbe il modo più giusto di approcciarsi a Brüno è di considerare la provocazione, esagerata, immorale (ma qual è, poi, la morale?), volgare, come uno strumento per considerare il proprio ruolo di spettatori del film e, di riflesso, di spettatori (e componenti) della società contemporanea. Nel film, infatti, è attraverso la provocazione che vengono, anche, messi in discussione gli assurdi comportamenti di alcune categorie sociali."

    Sono particolarmente d’accordo su questo, soprattutto sul dubbio circa la moralità o meno, ma anche con tutto il resto devo dire.

    Rispondi
  7. Grazie Ale. Sulla moralità meglio non iniziare la discussione, che siamo pur sempre su un cineblog. 🙂
    Saluti.
    Para

    Rispondi
  8. non l’ho ancora visto…ma ho amato "Borat"…prenderò la recensione come un ennesimo incentivo per vederlo! (senza contare che ho visto il video in cui bruno si auto-celebra assieme a Bono, Sting, Elthon John, Snoop Dogg…)

    Rispondi
  9. Borat è migliore, ma se ti è piaciuto allora ha buone speranze di piacerti anche Bruno!
    Il video di cui parli è il finale del film ed è da antologia. 🙂
    Saluti.
    Para

    Rispondi
  10. Un altro film che spero di recuperare e che dai presupposti mi sembra valido (mettere a disagio lo spettatore/fruitore è anche un proposito dell’arte: scuotere dal torpore e dall’eccessiva omologazione culturale). 

    Rispondi
  11. Da vedere, sia che piaccia che non piaccia, tanto, in fondo, è uguale. 🙂
    Saluti.
    Para

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: