Il profeta: uccidi o sarai ucciso

Stranamente il sottotitolo italiano de Il profeta (in originale l’articolo è indeterminativo) è adatto a descrivere in breve il film di Jacques Audiard: uccidi o sarai ucciso.
Questa la legge che Malik deve imparare appena entrato in prigione. Gli viene detto che per sopravvivere deve uccidere. Subito, senza motivi apparenti.
Malik entra nella cella della sua vittima, ha una lametta nascosta in bocca ma non tutto va come previsto. Malik aveva progettato che, dopo essersi inginocchiato per compiere un rapporto orale, si sarebbe alzato di scatto e avrebbe tagliato la gola dell’uomo che aveva davanti.
La futura vittima però lo fa sedere, gli parla e questo non era previsto. La cinepresa di Audiard si arresta sul viso di Malik che non può rispondere compiutamente al suo interlocutore per la lametta che tiene nascosta in bocca.
La cinepresa indugia ancora sul suo primo piano, fino a quando un filo di sangue pende dalle sue labbra, causato dall’arma tagliente che poco dopo toglierà dalla bocca per uccidere la sua vittima.
Il profeta è questo. Una scena-sineddoche come parte per il tutto di un film che non racconta semplicemente la violenza, la rappresenta.
La vita di Malik in prigione è in realtà un apprendistato alla criminalità che lo porterà a diventare un leader della malavita.
Non sempre i ritmi del film sono perfetti, qualche calo nella seconda parte (anche a livello di suggestioni visive) lo allontana dalla valutazione di capolavoro che in molti gli hanno dato dopo la presentazione trionfale all’ultimo festival di Cannes.
Il profeta resta però un film da non perdere, distribuzione permettendo, anche e, forse, soprattutto per la (non abbastanza sottolineata) interpretazione dello straordinario Tahar Rahim. Uno degli esordi (prima aveva avuto solo ruoli molto minori) attoriali più potenti ed efficaci del cinema degli ultimi anni.

Chimy

Voto Chimy: 3/4

Lascia un commento

3 commenti

  1. neanch'io me la sento di gridare al capolavoro, e ora mi sento anche meno solo. Comunque film eccezionale, la sequenza che hai magistralmente descritto lascia davvero senza fiato (come quella dell'omicidio in macchina). Tahar Rahim eccezionale.p.s. complimenti per il libro e in bocca al lupo. vedrò di prenderlo non appena avrò colmato la mia totale lacuna su Shinya Tsukamoto

    Rispondi
  2. Sarà che adoro il genere, sarà che l'ho trovato girato, musicato e recitato benissimo, sarà che mi ha colpito profondamente soprattutto per alcune sequenze (come quella finale del boss corso solo sulla panchina, ma tantissime altre in primis quella del primo omicidio), sarà per tutti sti motivi, io l'ho trovato davvero un grandissimo film.

    Rispondi
  3. @noodles: felice che siamo d'accordo e grazie per i complimenti al libro :)@ale: ci stanno pienamente le tue considerazioni, io l'ho visto leggermente altalenante per spingermi troppo in alto, ma ci sono dei momenti di cinema di bellezza rara davvero…Saluti a entrambiChimy

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: