L'uomo nell'ombra: Polanski al 100%

Si è parlato troppo. Si è parlato troppo delle vicende personali di Roman Polanski, del fatto che ha dovuto concludere il suo lavoro in carcere, del fatto che non poteva essere presente a Berlino dove il film è stato presentato (con vittoria dell’Orso d’argento per la migliore regia).
Si è parlato poco di cinema. Si è parlato poco de L’uomo nell’ombra, pessimo e assurdo titolo italiano di The Ghost Writer, che non sembrava inopportuno lasciare nella sua veste originale.
E anche quando si parlava del film si faceva il nome di Hitchock, si citava il romanzo di Richard Harris etc etc.
Tutto sbagliato perché L’uomo nell’ombra è (prima di tutto) un film polanskiano al 100%: un’autorialità che si nota da subito, fin dall’ottimo incipit che trascina vorticosamente lo spettatore nella vicenda.
Era da più di un decennio che Polanski non firmava una sceneggiatura, precisamente da La nona porta, film bellissimo che è il più stretto parente-riferimento dell’ultima opera del regista di Rosemary’s Baby. Come Johnny Depp nel precedente, ora Ewan McGregor si trova coinvolto in un complotto al quale potrà trovare una soluzione soltanto interrogando i libri o, meglio ancora, la "parola scritta".
Tratta dal celebre romanzo già citato, la sceneggiatura è una perfetta macchina a orologeria che supporta ottimamente l’introspezione dei personaggi e la tensione che il regista crea con la macchina da presa. Gli unici difetti di scrittura (e forse dell’intera opera) si trovano nella conclusiva svolta narrativa, decisamente telefonata e "banalotta". Per il resto L’uomo nell’ombra procede liscio e spedito con Polanski che cronenberghianamente non fa sentire il montaggio e regala momenti cinematografici davvero magistrali.
Thriller squisitamente politico, fin dal titolo si richiama la presenza dei fantasmi, delle ombre, che hanno sempre attraversato il cinema del regista e che qui sono ancora presenti, anche se in maniera metaforica. Un cinema che parla di doppi, dove alla "mummia" de L’inquilino del terzo piano si sostituisce il biografo che non firmerà il testo che egli stesso ha scritto per farlo considerare l’autobiografia del suo cliente.
E’ anche un dramma da camera (alla Polanski, naturalmente) dove i personaggi sono confinati su un’isola che ricorda tanto cinema del regista polacco, ma anche l’inquietante Farò di Persona e di altre pellicole di Ingmar Bergman.
Infine che tutti si vadano a studiare l’ultima, già memorabile, inquadratura de L’uomo nell’ombra, muta e parlante al tempo stesso, con la quale Polanski ci ricorda che non è un semplice regista, ma che è ancora un maestro.

Chimy

Voto Chimy: 3/4


Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Lascia un commento

8 commenti

  1. concordo sulle "parentele" tra questo e La nona porta: i libri sono armi pericolose e affascinanti, come forse il cinema di Polanski tutto.

    Rispondi
  2. Giustissimo. E il cinema di Polanski lascia grande spazio all'immaginazione, proprio come se leggessi un libro (ultima inquadratura docet).Chimy

    Rispondi
  3. hai fatto bene a ricordare Lui, Polanskiely

    Rispondi
  4. Grazie Ely.Ciao, a prestoChimy

    Rispondi
  5. Straordinaria la sequenza finale. Sul film poi, si concorda alla grande.

    Rispondi
  6. Davvero memorabile l'ultima immagine :)Chimy

    Rispondi
  7. Strameritato trionfo al festival di Berlino per un film capace di trasmettere nello spettatore dubbi, inquietudine, angoscia, sospetto… E' l'opera di un vero Maestro

    Rispondi
  8. Un grande maestro che non smette mai di stupire.Un salutoChimy

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: