Tra damigelle d’onore e terribili datori di lavoro, nelle sale è sempre il tempo di commedie

Articolo già pubblicato su IlSole24Ore

Il cinema estivo è spesso sinonimo di leggerezza e spensieratezza grazie alla presenza di tante pellicole che si rifanno, più o meno direttamente, al genere scanzonato per eccellenza: la commedia.
Le uscite di questa stagione hanno confermato la tendenza, con parecchi titoli appartenenti al filone: da «Libera uscita» dei fratelli Farrelly, arrivato nelle nostre sale a metà giugno, a «I pinguini di Mr. Popper» di Mark Waters.
Anche questa settimana di metà agosto non fa eccezione e fra le novità cinematografiche troviamo altre due commedie, naturalmente a stelle e strisce, pronte a ottenere buoni risultati ai botteghini.
La più interessante e divertente è «Le amiche della sposa» di Paul Feig, che arriva in Italia dopo aver ottenuto oltre 160 milioni di dollari d’incasso in patria, a fronte di un budget di “soli” 32.
Protagonista del film è Annie,  trentenne di Milwaukee, che conduce un’esistenza scialba tra vuote avventure sentimentali e un lavoro poco stimolante. Quando la sua migliore amica Lillian le chiede di farle da damigella d’onore al suo matrimonio, Annie scoprirà che seguire il percorso organizzativo della cerimonia sarà tutt’altro che una passeggiata.
L’idea vincente della pellicola è proprio la traslazione del personaggio principale, rispetto ai canoni del genere, dalla sposa alle sue amiche, pronte a rivaleggiare tra loro per far cambiare idea a Lillian su chi debba essere la sua prima damigella.
Se l’originalità del soggetto permette al film di mantenere un buon ritmo nella prima parte, la necessità commerciale, o il poco coraggio, di non rischiare fino in fondo a livello narrativo, provoca un deciso calo verso una conclusione troppo scontata.
Il regista Paul Feig lascia saggiamente spazio alle sue vulcaniche protagoniste, ma rischia spesso di perdere le redini di un prodotto in perenne alternanza, anche a causa di un montaggio poco fluido, tra divertenti trovate comico-demenziali e momenti di evidente piattezza.
                                                                    
Altro spunto interessante, che diventa però in pochi minuti una timida farsa priva di mordente, è «Come ammazzare il capo e vivere felici» di Seth Gordon.
Come annuncia senza troppi fronzoli il titolo italiano (quello originale è «Horrible Bosses»), i protagonisti sono tre amici trentenni che, uniti da una comune avversione per i loro datori di lavoro, decidono di ucciderli per migliorare la propria esistenza.
Nonostante alcune trovate divertenti, i colpi in canna sono davvero pochi e la noia prende costantemente il sopravvento.
In un cast formato da tanti attori noti, il migliore risulta un ottimo Kevin Spacey, in un ruolo che ricorda molto da vicino il personaggio dello spietato produttore da lui interpretato ne «Il prezzo di Hollywood» di George Huang. La sua performance può persino rappresentare un piccolo contentino per i suoi fan, sempre più numerosi, che non potranno essere a Londra per ammirarlo nei panni di Riccardo III nell’allestimento, diretto da Sam Mendes, in scena proprio in questo periodo all’Old Vic Theatre.

Chimy

Voto Le amiche della sposa: 2/4

Voto Come ammazzare il capo… e vivere felici: 1,5/4

Annunci
Lascia un commento

4 commenti

  1. Oh cavolo dunque una stroncatura per entrambi (o quasi) film che devo dire mi solleticavano un po'… (anche se poi parliamo di film che temo vadano visti in originale per gradirli in maniera totale).

    Noodles

    Rispondi
  2. Sul primo una mezza stroncatura: ha momenti divertenti e il ribaltamento della protagonista è comunque molto interessante. Peccato il film sia decisamente altalenante.

    Un saluto

    Chimy

    Rispondi
  3. Di solito le commedie mi piacciono, ma credo che questo genere sia un terreno minato: molto facile mettere il piede su una mina delle banalità. Quindi, nonostante i difetti che hai messo in evidenza, credo che vedrò Le amiche della sposa. Sinceramente non mi aspettevo che il film avesse delle qualità. Interessante mettere in prino piano le amiche. Finalmente.

    Rispondi
  4. Già, una commedia un po' diversa dal solito, pur con tanti difetti.

    Un saluto 🙂

    Chimy

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: