Dall’Africa all’Europa con destinazione finale New York City, tornano nelle sale i protagonisti di «Madagascar»

Articolo già pubblicato su IlSole24Ore

 

L’estate sul grande schermo, si sa, è spesso sinonimo di cinema per ragazzi: se ultimamente sono uscite diverse commedie adolescenziali come «Diario di una schiappa 3» di David Bowers o «LOL» di Lisa Azuelos con protagonista Miley Cyrus, questa settimana è l’animazione la grande protagonista del weekend.

Dopo la presentazione al Giffoni Film Festival dello scorso luglio, arriva nelle sale «Madagascar 3», il terzo capitolo della saga con protagonisti il leone Alex e i suoi amici, firmata Dreamworks Animation.

Avevamo lasciato i quattro personaggi (oltre ad Alex, la giraffa Melman, l’ippopotamo Gloria e la zebra Marty) nella savana dell’Africa centrale, ma ora la nostalgia di New York City è troppo forte e i nostri eroi decidono di tornare negli Stati Uniti. Con una scelta geografica a dir poco curiosa, optano per raggiungere a nuoto Montecarlo dove potranno trovare i pinguini, in grado di far loro attraversare l’oceano in aeroplano. Le cose non andranno però come previsto e, per sfuggire a una spietata agente della polizia francese, saranno costretti a nascondersi tra gli animali di un circo itinerante.

Come già si evince dal soggetto, «Madagascar 3» appare decisamente confusionario e poco credibile, anche per i più piccoli: eppure, se da un lato questo è il suo principale limite (la sceneggiatura appare spesso più adatta a una puntata di una serie tv che a un lungometraggio vero e proprio), dall’altro è anche uno dei suoi pregi maggiori.

Privo di ogni vincolo narrativamente logico, il film dà libero sfogo all’estro degli animatori, tra trovate surreali e colori sgargianti che sembrano usciti da un caleidoscopio impazzito: con un ritmo costantemente forsennato, risulta l’episodio più divertente della trilogia e dopo un inizio a rilento cresce alla distanza anche grazie alla simpatica caratterizzazione dei nuovi personaggi, tra cui svetta il leone marino Stefano.

Diretto a quattro mani da Eric Darnell e Tom McGrath (con la collaborazione di Conrad Vernon), «Madagascar 3» conferma come la Dreamworks sappia sfruttare al meglio le potenzialità del 3d, tanto da farlo diventare il vero valore aggiunto della pellicola: in questo, lo studio di animazione digitale è apparso finora nettamente superiore rispetto ai “rivali” della Pixar, la cui prossima opera «Ribelle-The Brave» arriverà nelle nostre sale il 5 settembre.

 

Chimy

 

Voto Madagascar 3: 2,5

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: