Top 10 2008 del Para: Toop Toop!

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0pt 5.4pt 0pt 5.4pt;
mso-para-margin:0pt;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Il-Divo-Toni-Servillo-2

1) Il divo di Paolo Sorrentino

2) Il petroliere di Paul Thomas Anderson

3) Wall-E di Andrew Stanton

4)Cloverfield di Matt Reeves

5)Sweeney Todd di Tim Burton

6) Lussuria di Ang Lee

7)Gomorra di Matteo Garrone

8) Non è un paese per vecchi dei fratelli Coen

9) Changeling di Clint Eastwood

10) The Mist di Frank Darabont

 

 

Il primo posto era scontato, per un film capolavoro che ribadisce quanto bisogna voler bene a Paolo Sorrentino.

Al secondo posto l’altro IMMENSO film dell’anno, Il petroliere dell’altrettanto immenso P.T.A., mentre al terzo posto il “film saggio” Pixar, Wall-E.

Quarto posto per uno dei film più importanti degli ultimi anni, Cloverfield, postmodernismo teorico totale, corpo come steadycam dell’occhio umano.

Quinto posto per Sweeney Todd, l’esperimento, riuscitissimo, burtoniano che miscela nel filmico e nel pro filmico il musical puro al gore.

Ed eccoci al leggendario, mitico, chiacchierato sesto posto. A sorpresa ecco insidiarsi a metà classifica Lussuria di Ang Lee. Un film girato con un’eleganza e una raffinatezza da maestri, con occhio attento ai dettagli, dei corpi e dei luoghi. Due ore e mezzo senza noia, un dramma d’amore di precisa fattura recitato magistralmente.

Settimo classificato il grandioso film denuncia di Matteo Garrone, che ci porta a camminare per i corridoi cementati di Scampia, e ottavo posto al paese per nessuno dei Coen, i due smile che si beffano dello spettatore consci della propria bravura a girare un film.

Nono posto per il grande Clint, che realizza un film chiuso in due dolly che sono due parentesi di tutto un pensiero.

Ultimo posto, invece, deciso a fatica. Se forse avrebbe dovuto starci Lo scafandro e la farfalla di Julian Schnabel, che per qualità ed originalità è certamente superiore, ho voluto inserire il potente The Mist, che esce difficilmente dalla testa per la potenza di alcune sequenze (il finale su tutte), e che entra facilmente nei discorsi e nelle riflessioni per via dell’importante operazione fatta sul genere.

 

 

I prossimi giorni farò un regalo a tutti i visitatori di CINEROOM, state sintonizzati. 🙂

Buon anno a tutti, buon duemila nuovo e felice anno nove! 🙂

Para