Notorious: Life After Death

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Life After Death. Questo è il titolo dell’ultimo album di Christopher “Notorious B.I.G.” Wallace, uscito postumo quindici giorni dopo la sua morte, che debutterà appena uscito in cima alle classifiche discografiche americane.

Il film di George Tillman Jr., Notorious, parte da lì: parte dalla serata in cui il protagonista viene ucciso per poi rivivere con un lungo flashback tutta la sua vita.

Dall’infanzia (dove il protagonista è interpretato dal vero figlio di Notorious B.I.G.) in cui veniva deriso dai compagni per la sua mole, all’adolescenza sulla strada costretto a spacciare droga, fino all’approdo alla Bad Boy Records di Puff Daddy che lo porterà ad avere un successo straordinario.

Tillman Jr. fa meglio del suo precedente Men of Honor e realizza una pellicola garbata e gradevole che resta nei canoni del biopic senza voler forzare eccessivamente la mano.

Alcune sequenze sembrano seguire lo stile dei videoclip (hip-hop e non solo), altre sono maggiormente adagiate su canoni tradizionali.

Ne esce fuori un film che, seppur non certo memorabile, si lascia seguire con piacere e attenzione, soprattutto in un mese (luglio 2009, cinematograficamente molto disgraziato) dove bisogna davvero cercare col lanternino un film degno nelle nostre sale.

Farà piacere soprattutto ai fan del genere musicale, trovare sullo schermo personaggi quali Tupac, Lil’ Kim o Faith Evans; oltre ai già citati Biggy e Puffy.

Personaggi inoltre interpretati più che discretamente da un cast complessivamente buono in cui appare azzeccata la scelta dello sconosciuto Jamal Woolard nella parte del protagonista.

Interesserà inoltre anche alle persone meno esperte sull’argomento conoscere (in parte) le “diatribe” fra i musicisti della East Coast e quelli della West Coast di metà anni ’90.

Una “guerra” probabilmente non ancora del tutto sopita che a Notorious è costata la vita.

Una vita che però rimane accesa nel cuore di tutti i suoi fan, come Tillman Jr. ci mostra nella toccante sequenza finale in cui durante la processione del funerale di Notorious sulle strade di New York, un ragazzo ha acceso la radio facendo così sentire (alla madre, ma non solo) che la voce di B.I.G. non è morta con lui. Life After Death.


Chimy
Voto Chimy: 2,5/4
Annunci