Breakfast on Pluto: manca di sensibilità il nuovo film di Neil Jordan…

bop3

Breakfast on Pluto” è un film di Neil Jordan del 2005, uscito, però, soltanto da poche settimane nelle sale italiane (la lunga attesa è stata purtoppo alquanto vana).

Il film parla della vita di Patrick “Gattina” Brady, ragazzo omosessuale con forti tendenze al travestitismo, che cresce nella violenta Irlanda degli anni ’70.
Stufo di un mondo che non riesce a capirlo, Patrick parte per Londra per incontrare la madre che non ha mai conosciuto; al termine di questo viaggio troverà invece un padre che riesce finalmente a confessargli il bene che gli vuole.

Jordan prende spunto da un romanzo di Pat McCabe per trattare nuovamente il  travestitismo, tema alla base del suo celebre “La moglie del soldato”.
Rispetto al film del 1992, “Breakfast on Pluto” manca, però, di quella sensibilità necessaria all’argomento, barcamenandosi tra due lati diversi: quello drammatico (il terrorismo, l’IRA, l’odio tra Irlanda e Regno Unito…) e quello grottesco (gli uccellini che parlano, il mondo onirico di Patrick…), senza scegliere una strada precisa da seguire.
Sembra che il regista voglia dividere il film, al 50%, tra queste due modalità narrative, non riuscendo così a svilupparne perfettamente nessuna delle due.
Ci sono anche dei momenti riusciti, ma subito dopo questi, mentre si potrebbe pensare che il film riesca ad alzarsi, si riabbassa prontamente.
Così come la regia, anche la recitazione di, quasi, tutto il cast è deludente: i grandi interpreti del cinema irlandese degli anni ’90, da Liam Neeson a Brendan Gleeson, a Stephen Rea (attore prediletto da Jordan) sembrano molto svogliati, privi della determinazione che aveva contraddistinto molte loro interpretazioni precedenti.
Dicevo “quasi” tutto il cast è deludente… sì, perchè Cillian Murphy è assolutamente straordinario, nella parte di “Gattina”, confermandosi uno dei migliori attori giovani del cinema europeo. Peccato che il suo personaggio è stato scritto in modo troppo superficiale e macchiettistico.

Neil Jordan è un bravo artigiano, che nella sua carriera ha fatto diversi buoni film (oltre a “La moglie del soldato”, pensiamo a “Mona Lisa” o “Michael Collins”) ma ha avuto anche diversi scivoloni (ad esempio con “Intervista col vampiro). Purtroppo “Breakfast on Pluto” appartiene alla seconda categoria.

Chimy
Voto Chimy: 2 / 4

Annunci